Spettacoli





Compagnia di Danza Mangalam

Compagnia con vasto repertorio tradizionale e innovative coreografie di fusione interculturale

Natanavedica propone spettacoli di Bharata Natyam:Teatro Danza dell'India e di Fusione tra danza contemporanea e danza indiana per : teatri, festivals, scuole, università ed istituti culturali, adattando la rappresentazione per le varie occasioni.
Le singolari proposte interculturali permettono agli artisti coinvolti di seguire la sottile linea rossa che si srotola fra le diverse forme artistiche in uno scambio estetico, emotivo e tecnico, di approfondire le differenze e similitudini nelle loro forme artistiche e creare una "contaminazione" positiva di stili che arricchisce sia l'artista che lo spettatore.
Questo progetto rappresenta un elemento fondamentale per l'educazione artistica: collaborazione, rispetto, stima per le diversità e ricchezza di varietà presente nella nostra società multiculturale. Quest'incontro di culture diverse o "crossbreeding" culturale è un'occasione per ridefinirci come artisti e pubblico, permettendo di allargare il nostro punto di vista.
Maresa Moglia, coreografa e danzatrice possiede la rara capacità di sentirsi a proprio agio sia nella danza contemporanea che in quella indiana. Attraverso la collaborazione con artisti provenienti da diverse discipline riesce a creare quel dialogo essenziale e sempre piu' necessario tra le diverse forme d'espressione e culture artistiche.

Proposte:

Spettacolo di Danza Classica Indiana: stile Bharata Natyam
Lo spettacolo è composto dal repertorio tradizionale di danza classica indiana, con sontuosi costumi e musiche tradizionali. Anni di studio e ricerca permette di scegliere danze di gruppo e soliste, adatte ad ogni pubblico e situazione. La bellezza di questa forma di danza antica trasmette un messaggio universale, profondamente emotivo ed estetico.

Spettacolo di danze indiane: stile Bharata Natyam e coreografie originali: "contaminazioni interculturali Oriente-Occidente".
Lo spettacolo è composto da una parte dedicata al repertorio tradizionale di danza classica indiana, con costumi e musiche tradizionali, e una dedicata ad una fusione tra bharata natyam e la danza contemporanea occidentale: sequenze di danza contemporanea sono accompagnate da sollu kuttu (la vocalizzazione tipica della danza indiana) e sequenze ritmiche di bharata natyam accompagnate da musica occidentale. Alcuni elementi del bharata natyam, come i ritmi, i gesti (mudra) e l'espressione del viso sono "rubati" e appaiono improvvisamente nelle sequenze di danza contemporanea. I movimenti codificati del bharata natyam si srotolano lentamente trasformandosi nei movimenti piu' ampi ed estesi della danza contemporanea.




Il Mahabharata
Draupadi e il tiro dei dadi
L'eterna lotta tra bene e male. La difficoltà di difendere le giuste cause. L'orrore della violenza umana, il mistero del capriccio divino. L'amore, l'odio. Gli uomini e gli dei. Re, demoni, donne bellissime, guerrieri, eroi, traditori. "Tutto quello che si trova nel Mahabharata-dice un detto- esiste anche altrove. Quello che non c'è non si trova da nessuna parte".
Il Mahabharata, il "grande poema dei discendenti di Bharata", è il poema epico nazionale dell'India.
La vicenda epica è rappresentata dal conflitto dinastico fra le famiglie di cugini rivali dei Kaurava e dei Pandava, questi ultimi in realtà figli di dei. La posta è il possesso del mondo intero. Alla contesa, schierati per gli uni o per gli altri, partecipano tutti i sovrani e i guerrieri della terra.
Draupadi, moglie dei cinque principi Pandava, una delle figure femminili di spicco nel Mahabharata, incarna l'espressione manifesta dell'energia femminile Shakti.
Attorno a suo personaggio ruotano le vicende drammatiche di due popoli in guerra che si contendono ora il potere, ora la vittoria, ora il possesso di regni. Mentre la sua figura femminile, ferma e silenziosa, presente nella sua interezza la rende l'eroina capace di passare da emozioni quali l'amore, la rabbia, la pena, la disillusione, la forza, il coraggio senza perdere la sua dignità. Combattiva e risoluta Draupadi ben si colloca nelle suggestive figure femminili delle grandi storie epiche.

In scena due danzatrici / attrici. Una voce recitante introduce e accompagna il susseguirsi delle varie scene dedicate alla storia di "Draupadi e il tiro dei dadi", eseguite in puro stile teatro danza indiana e contaminazioni di teatro danza contemporaneo.


RASA- L'essenza d'un emozione
La danza in India, "Natya", si esprime in una tecnica altamente codificata, contenuta in trattati antichi e mantenuti vivi e vitali tramite la tradizione orale, il passaggio dell'arte da guru a discepolo.
L'elemento espressivo della danza deriva da uno studio profondo degli stati emotivi e psicologici dell'uomo chiamati stayi bhava e raggruppati in nove principali sentimenti o rasa:
emotivo-amore
comico- scherno
patetico-dolore
furore-ira
eroico-coraggio
terrifficante-paura
repulsivo-repulsione
meraviglioso-meraviglia
quietistico-pace

Questo spettacolo è la prima parte di una rappresentazione dei nove rasa. Incontro tra due danzatori , che tessono trame di gesti e suoni attraverso un viaggio interculturale dove Est e Ovest si attraggono. Struttura ed Improvvisazione, linguaggi sovrapposti, intrecci misteriosi e imprevedibili per creare un dialogo tra suono e movimento, e un passaggio a doppio senso tra passato e presente. Un linguaggio di ibridazione o "contaminazione" culturale, un dialogo tra la tecnica di danza contemporanea e danza classica indiana, una nuova forma, un masala o misto di tecniche e culture.
Musica originale:Fabio Pianigiani (link)
Coreografia: Maresa Moglia , Sabina Cesaroni


SANATANA-Eterna
Nel 2001 le e è stata commissionata dall'"Institute of Fine Arts" ,U.K. ,la coreografia di una piece originale di "fusione" Bharata Natyam/Contemporaneo,in collaborazione con Krishnaveni Lakshmanan e Prasanna (uno dei più conosciuti e innovativi esecutori di musica classica del Sud India alla chitarra), musicisti inglesi di musica classica occidentale e musicisti tradizionali indiani.
L'opera ha ricevuto la sua prima al Queen Elizabeth Hall di Londra.
Musica originale: Prasanna (link)


CROSSING
Coreografia e Danza : Nuria Sala Grau, Maresa Moglia
Bharata Natyam (teatro-danza classicco indiano) e Danza Comtemporanea.
Musica Suonata e Composta: Federico Sanesi, Paolino Dalla Porta.
Percussioni del nord-sud india, Tabla, Mrudangam, Batteria, Contrabbasso.

Crossing è un spettacolo di Danza e Musica. Presente in scena sarà un quartetto formato da due danzatrici: Maresa Moglia, Nuria Sala Grau e di due Musicisti: Federico Sanesi, Paolino Dalla Porta.
Crossing è una creazione che nasce dallo scambio profondo delle esperienze d' incontro tra i linguaggi e le culture.
Immagini che scaturiscono dai miti e racconti della creazione, lo schiudersi dell'uovo cosmico,la nascita della Luna, il viaggio, la fuga magica, l'aspetto rituale della Musica e Danza Indiana, il trasformatore di forme.
Da un ambiente primordiale dove la Musica induce allo spazio denso e magmatico, la Danza ci offre una lenta apparizione portando alla realtà, con gusto ironico, l'uscita e l'incontro di due forme che prendono vita.
Subito la partenza, il viaggio, lo spazio in tutte le sue direzioni, l'incalzare del tempo, l'incrocio costante degli opposti.
Le soste, gli arrivi, i rituali. La Danza Indiana nella sua precisione geometrica ed estetica scambia la sua struttura con i gesti appena codificati della Danza Contemporanea,
in una forma dove teatralità, danza e gesto si confondono.
Il tempo è sospeso, sorge la luna, appare, spande i suoi raggi di dolce chiarore, giri, oscillazioni, ciclicità di luce ed ombra. Ci riporta ad immagini archetipiche, dissolvendosi nuovamente in una cascata di suoni e gesti,che sgretolano i cliché culturali sorprendendosi se stessi nel gioco "du déplacement".
L'uomo che urla silente, che implode, un piccolo frammento di un mondo multi etnico, il suo lamento, una ninna nanna per sé, per chi arriva, per chi resiste.
Tradizione-contemporaneità, gesti millenari, gesti appena creati, si sovrappongono in questo dialogo ininterrotto, in questo scambio che amplifica le qualità dell'uno e dell' altro e arricchisce in modo ironico gli incroci-passaggi, inevitabili oggi.

Federico Sanesi alle Tabla, il Mrudangam e Percussioni, Paolino Dalla Porta al Contrabbasso: questi due musicisti di grande bravura, tessono trame con precisione e gusto,
creando ambienti sonori e spazi musicali per la danza e con la danza.

Nuria Sala Grau, Maresa Moglia, il talento e la versatilità delle danzatrici, nel giocarsi i passaggi dal Bharatanatyam alla Danza Contemporanea, nel separare,sovrapporre ed intrecciare le due tecniche.
E' la visione ampia di una ricerca, e le danzatrici la portano avanti da anni, attraverso un linguaggio libero che vuole esprimere il fascino del passaggio, il nostro "crossing".
English (United Kingdom)Italian (Italy)